fbpx Press "Enter" to skip to content

Abu Dhabi 4 domina gara 1 a Hangzhou e raggiunge il vertice della classifica

Please Share!

E’ il giorno di Abu Dhabi 4 a Hangzhou, in Cina, quarta tappa del mondiale 2018 UIM XCAT World Championship. Sabato, ovvero il giorno della prima delle due gare previste per il weekend.

Dopo una qualifica che ha visto Abu Dhabi 4 seconda dietro a Dubai Police per pochi centesimi di secondo, l’equipaggio della barca 4 Shaun Torrente (throttleman) e Faleh al Mansoori (driver) parte in modo impeccabile e passa alla prima boa davanti a tutti.

Da quel momento, i due inanellano una serie di giri velocissimi, tanto da poter fare I propri due long lap (obbligatori) senza mai perdere la leadership. Alla fine, Torrente e Al Mansoori chiudono con un vantaggio di oltre 37 secondi, considerando anche l’andatura più conservativa delle ultime tornate per non rischiare di compromettere la posizione.

Il secondo posto va a 222 Offshore con il nostro Giovanni Carpitella e l’australiano Darren Nicholson. Come di consueto i due partono benissimo guadagnando due posizioni e da allora conducono una gara quasi perfetta, solo in parte compromessa dall’utilizzo delle eliche non ideali: quelle più lunghe, adatte al percorso, sono inutilizzabili dopo un danno durante la pole.

Team Australia finisce terzo: Pål Virik Nilsen and Jan Trygve Braten possono essere soddisfatti del risultato, considerando la sfortuna in qualifica: dopo un errore che li porta a un testa coda, un motore si spegne, e riparte solo dopo diversi, preziosi minuti durante i quali i due addirittura tornano ai pit temendo un guasto più grave.

Abu Dhabi 5 (Rashed al Tayer e Majed al Mansoori) completa il buon risultato per il team emiratino, mente un’altra volta una strategia perfetta e una condotta di gara saggia portano Hi-Performance Italia di Francois Pinelli e Giuseppe Schiano a conquistare un ottimo quinto posto, che segue al podio di gara 2 a Shanghai.

Non abbiamo ancora parlato di Dubai Police, per un preciso motivo. Arif al Zaffein e Nadir bin Hendi questa volta si fanno sorprendere in partenza (erano primi in griglia) e al momento della bandiera verde scivolano quarti. Dopodiché, una gara abbastanza dimessa e alcuni problemi a un motore fanno si che i due perdano altre due posizioni, su Abi Dhabi 5 e HPI.

Settima è Kuwait, seguita da Videx (ancora qualche dettaglio da risolvere per Alfredo Amato e Dani Martignoni), Newstar e Yacht Club Como. Questi ultimi, in particolare, scontano una penalità di 30 secondi: peccato per Serafino Barlesi e Nico Caldarola dopo l’ottimo quarto posto in gara 1 a Shanghai.

Pastamato di Andrea Comello e Joakim Kumlin è invece costretta al ritiro, mentre i più sfortunati della giornata sono Erik Stark e Sebastian Groth su Swecat che danneggiano un piede in prova toccando il fondo dell’acqua e non sono in grado di riparare la loro barca in tempo per la gara.

Con questa vittoria Abu Dhabi 4 si porta in testa alla classifica, a pari merito con Dubai Police a quota 178. Sembra quindi che la lotta per il titolo 2018 stia facendo emergere i principali contendenti. Senza dimenticare gli inseguitori di Abu Dhabi 5 (154), Team Australia (152) e 222 Offshore (137).

Print Friendly, PDF & Email

© Powerboat Racing World.

Unauthorised use and/or duplication of this material without express and written permission from this site’s author and/or owner is strictly prohibited.

Excerpts and links may be used, provided that full and clear credit is given to Powerboat Racing World with appropriate and specific direction to the original content.